Baccalà mantecato

 

Far bollire il baccalà nel latte e acqua, con un bouquet di rosmarino,alloro e timo. Far bollire per una ventina di minuti, togliere il baccalà con una schiumarola e conservare il liquido di cottura (almeno un bicchiere). Far raffreddare.

Togliere la pelle al baccalà (a piacere) sminuzzarlo con una forchetta facendo attenzione alle lische. In planetaria o a mano (è meglio non usare il mixer) sbattere energicamente con un pò di olio extravergine d'oliva, continuare a sbattere alternando l'olio d'oliva al liquido di cottura (un po' alla volta) fino a ottenere una crema più o meno spessa.

Tostare del pane per crostini, strofinarlo con l'aglio, servire crema e crostini.

 

Note: nella versione originale veneta si usa lo stoccafisso, che i veneti chiamano baccalà: ho preferito fare una versione meno forte col baccalà. Alcuni consigliano di strofinare il contenitore o la ciotola della planetaria con l'aglio; in qual caso è meglio usare pasta d'aglio. Io ho strofinato i crostini con l'aglio. Se sul c'è un eccesso di liquido nella crema basta passarla in un colino a maglie fitte.

 

Per 4 persone

 

BACCALA' gr. 300
LATTE lt. 300
ACQUA lt. 200
OLIO EVO q.b.  
ROSMARINO, TIMO, ALLORO bouquet 1
SALE,PEPE q.b.